Democrito e l'Accademia: Studi sulla trasmissione dell'atomismo antico da Aristotele a Simplicio (Studia Praesocratica, Volume 1)

Democrito e l'Accademia: Studi sulla trasmissione dell'atomismo antico da Aristotele a Simplicio (Studia Praesocratica, Volume 1)

M. Laura Gemelli Marciano

Language: Italian

Pages: 390

ISBN: 2:00272163

Format: PDF / Kindle (mobi) / ePub


How did the Ancient Greek Atomists come to assume the existence of atoms, and how did they understand their indivisibility? These are the most difficult questions facing researchers into Atomism in Classical Antiquity, and it is these questions that Laura Gemelli addresses in the present study. She re-examines the Ancients' tradition from a new perspective, starting from the influence that academic atomism and the attendant problems and concepts had on Aristotle's interpretation of ancient Atomism.

This hitherto neglected perspective leads to a critical revision of generally accepted theses such as the origins of Atomism in Eleatism and the postulation of the atom as a solution to the aporias of infinite divisibility. The author then follows the further development of the views of Atomism put forward by Aristotle and Theophrastus as far as the Neo-Platonists. This book provides the foundations for a re-evaluation of the sources and a shift in perspective for research into the Ancient Atomists.

Series Overview:

Vol. 1: Gemelli, Laura: Democrito e l'Accademia (2007)
Vol. 2: Marcinkowska-Rosól, Maria: Die Konzeption des "noein" bei Parmenides von Elea (2010)
Vol. 3: Schwab, Andreas: Thales von Milet in der frühen christlichen Literatur (2011)
Vol. 4: Cornelli, Gabriele: In Search of Pythagoreanism (2013)
Vol. 5: On Pythagoreanism (2013) Ed. by Cornelli, Gabriele / McKirahan, Richard / Macris, Constantinos
Vol. 6: Marcinkowska-Rosol, Maria: Die Prinzipienlehre der Milesier (2014)
Diels, Hermann: Prolegomena to the "Doxographi Graeci" (2016) Ed. by Primavesi, Oliver

Vector PDF w/TOC.

The Economic Life of the Ancient World (History of Civilization)

Les Gracques : Crise agraire et révolution à Rome

Thinking Like a Lawyer: Essays on Legal History and General History for John Crook on His Eightieth Birthday

Epicureanism (Ancient Philosophies)

Sport and Spectacle in the Ancient World (2nd Edition) (Ancient Cultures)

Euripides IV: Helen, The Phoenician Women, Orestes

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

e[stai ej nergeivai: ajll ejpei; pollacw'" to; ei\ nai, w{sper hJ hJmevra ejsti; kai; oJ ajgw; n tw'i ajei; a[llo kai; a[llo givnesqai, ou{tw kai; to; a[peiron. Sulle teorie accademiche come obiettivo di Aristotele nei passi suc26 27 citati, cf. Krämer 1971, 296-297. De gen. et corr. A 2, 317a 2-12. Questo è stato notato da più parti. Baldes 1972, 44s., partendo dal presupposto che Aristotele si riferisca a materiale democriteo, ipotizza, in modo piuttosto nebuloso, che si tratti di grandezze

tracciare un breve schizzo della ricezione degli atomisti nell'ambito delle scuole filosofiche dall'età ellenistica in poi. Si tratta ovviamente non di un esame esaustivo, ma di una panoramica globale offerta a titolo di orientamento. 48 cta, nec laeduntur nec interitionem recipiunt nec sectionibus dividuntur, sed sempiterno aevo perpetuo infinitam retinent in se soliditatem. Il testo corrisponde grosso modo alla prima parte di Ps.-Plut. 1,3, 877 D, infra, VI 3. 2. 2. Alla letteratura

corpuscoli minuscoli non divisi nella realtà, ha le sue radici nell'Accademia come si può dedurre dalle argomentazioni dei Pitagorici-Accademici nel decimo libro Contro i Matematici di Sesto Empirico esaminati nel secondo capitolo. Queste argomentazioni costituivano la base di partenza per formulare la dottrina dei principi, uno e diade indefinita, e per ordinare il reale: l'indivisibile nei corpi e nelle grandezze è il riflesso dell'uno che impone un ordine all'infinita molteplicità generata

ma'llon de; a[peira: dio; kai; eijjdhtiko;n ejkavloun tou'ton to; n ajriqmo;n a{te sugkeivmenon ejx eijdw' n, kai; tou;" ajriqmou;" ejkeivnou" ei[dh tw'n o[ntwn ejtivqento: 'ajriqmw'i dev te pant ejpevoike'. tou' me; n ou\n aujtozwviou, toutevsti tou' kovsmou tou' nohtou', stoicei'a ta; prw'ta ejpoivoun tw' n eijdhtikw'n ajriqmw'n th;n Capitolo secondo 81 tarda nella quale Temistio espone72, le concezioni di fondo del brano combaciano comunque con la dottrina dei Pitagorici di Sesto se si

lezione ajpoplhxivh si incontra infatti solo in Stob. 3,6,28 (xunousivh ajpoplhxivh smikrhv: ejxevssutai ga;r a[nqrwpo" ejx ajnqrwvp ou), in un contesto etico, ed è sottesa alla citazione in Hippol. Ref. 8,14 che la attribuisce però all'eresiarca Monoimo l'Arabo e la colloca sullo sfondo dell'interpretazione allegorica delle piaghe d'Egitto: Æa[nqrwpo" ãga;rà ejx ajnqrwvpou ejxevsãsÃutaiÆ, fhsivn, Ækai; ajpospa'tai, plhgh'i tini merizovmeno"Æ. Anche costui potrebbe aver tratto la citazione da

Download sample

Download